Carlo Pisani

Carlo Pisani

Nato nell’aprile del 1989, in un piccolo paesino sulla sponda piemontese del Lago Maggiore, sin da piccolo si appassiona a smontare e cercare di capire come funzionano giocattoli ed elettrodomestici vari. Nel corso degli anni fortunatamente impara anche a rimontarli, avanzando sempre meno viti.
La passione per hardware, software e videogame nasce già nel lontano 1995, quando alla tenera età di soli sei anni vede per la prima volta un computer nella piccola scuola di paese, comprato e voluto con tanta fiducia nella tecnologia dalla sua maestra (nonché mamma).

Cresce nella generazione 883 ed Articolo31, ma la passione per la buona musica lo spinge a ricercare nel passato gruppi più concreti e rivoluzionari come i The Beatles e i Queen, soffermandosi specialmente nei favolosi anni ’80, dove avrebbe tanto voluto vivere, scoprendo sonorità più dure dell’Hard Rock di band come i tanto amati Scorpions.

Ispirato dalla professione del padre e molto probabilmente anche da quella del Dr. Emmett L. Brown, studia fino ad ottenere il diploma di perito elettrotecnico e qualche anno più tardi quello per l’abilitazione alla progettazione di impianti elettrici. Nell’estate del 2008 finita la maturità, grazie ad una borsa di studio, vive per due mesi nell’Irlanda del nord lasciandoci il cuore e probabilmente buona parte del fegato: grazie di tutto Guinness.

Definito da molti rompiscatole e precisino, ha il vizio di fare tutto nel miglior modo possibile, orgoglioso delle proprie doti pratiche si sbizzarrisce a tutto tondo tra bricolage, fornelli, motori e computer. Si rispecchia in una massima snocciolata da niente di meno che Giovanni del famoso trio AGG: “Chi sa fare, sa capire”, logica che lo porta a diffidare di architetti ed ingegneri che non si siano mai sporcati le mani.

Motociclista, o meglio Ducatista, ama i viaggi tranquilli e panoramici, meglio se accompagnati da delle belle mangiate, anzi, spesso si basano esclusivamente questo.

Nel 2017 affianca alla propria professione la collaborazione con la redazione di Hardware Upgrade, che segue fin dai primi anni di attività, contribuendo alla stesura delle news di argomenti più vari possibili.